Slot Machines e casino online: ecco la sentenza

La Corte dei Conti a breve, secondo quanto affermato dal Giudice Smiroldo, emetterà un giudizio sulla rendicontazione cui sono sottoposte le concessionarie -dieci- di slot machine.
Sul periodo 2004-2009 si dovrà esprimere la Sezione Lazio con il proprio giudizio sulla idoneità di questi dati a rappresentare un conto della gestione. Il mancato ricevimento del parere delle Sezioni Unite, che avevano chiesto un rinvio, in merito ai dati contabili, ne ha comportato la mancata ricezione da parte delle concessionarie e questo era emerso nell’udienza del 17 gennaio scorso. Infatti   nella relazione sui giudizi di rendicontazione  è emerso che gli stessi Monopoli di Stato non fossero in grado “sia per l’assenza del collegamento con la rete telematica, sia per la genericità estrema dei criteri di formazione dello stesso dato rendicontato” di poter certificare la realtà del dato. Le compagnie concessionarie  avendo trasgredito l’obbligo di presentazione del rendiconto per la gestione della rete newslot  furono soggette ad una richiesta di giudizio, avviato nel 2006 da parte della Procura Regionale che richiese una condanna a loro carico per un importo complessivo di un miliardo: le compagnie concessionarie ritenevano invece, di essere nel giusto visto che i dati delle giocate avrebbero dovuto essere gestiti -in tempo reale- dal patner tecnologico dei Monopoli di Stato, la Sogei. La stessa non ha potuto gestire la situazione in realtà, in quanto si sono verificati nell’allestimento della rete notevoli ritardi e in un’udienza già fissata al prossimo 20 novembre vi sarà un altro giudizio parallelo presso la Corte dei Conti che ha emesso condanna di 2,5 miliardi di euro nei confronti delle Concessionarie.

I commenti sono chiusi.